Soluzione del “problema diabolico”

La soluzione del problema diabolico è quella trovata, ancora una volta, dal solito Roberto Vertuccio.
Qui mi limiterò ad esporla in modo lindo e pinto.

La dimostrazione si articola in 3 passaggi:

-1. La posizione è legale2. Il B. vince giocando 1.f53. Le altre mosse non vincono

Il Bianco muove e vince.

Quale è il problema?
Il N. ha promosso 2 volte ad Alfiere su casa chiara (e si può fare) e ha effettuato 4 catture con il pa2 (e ci siamo ampiamente, al B. mancano 7 pezzi/pedoni).

.

Per gli scettici, ecco un esempio possibile (da notare che termina con mossa di pedone):

.

Problema nel problema:
qualcuno è in grado di raggiungere la posizione in meno di 31 mosse?

.

Visto che c’è chi ha gradito, ne mollo un altro:

Come è possibile?

.

Posizione A

Mossa al Bianco.
La partita è patta.

Posizione B

Mossa al Nero.
Il Bianco vince.

Nella posizione B il Bianco vince.
Nella posizione A, giocando 1.Re2, può raggiunge la B (quella vinta), ma non vince!!
In altre parole (e vi sto aiutando) la stessa posizione, con il tratto allo stesso giocatore, in un caso è vinta, nell’altro è patta.
Come è possibile?

Soluzione.

.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − tredici =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>