Corso del giovedì #6

L’incontro di giovedì 30 luglio, contrassegnato dalla gradita visita di Marco Sanna (il “Marco” autore di diversi articoli su questo sito) e Corrado Sabia, è andato così:

  • all’inizio qualche bizzarro esercizio per “sgranchire i neuroni”;
  • poi la partita Botvinnik – Smyslov (pubblicata a parte nella sezione “partite”);
  • infine, per terminate in bruttezza, un mio finale contro Stockfish.

1. – Esercizi bizzarri

1.1 – Matto entro la 3a mossa!

Sappiamo che la partita più breve possibile termina con il matto alla seconda mossa (il matto “dell’imbecille”, che, di fatto, è più che altro un aiutomatto), mentre la partita breve più nota è quella del matto “del Barbiere” (che invece non è un aiutomatto e forse meriterebbe, lui si, di chiamarsi “dell’imbecille”), generalmente di 4 mosse.
E in 3 mosse?
Quante sono le possibili partite che, entrambi i lati collaborando, terminano con il matto alla terza mossa?
Qualcuno è in grado di trovare altre soluzioni oltre a quelle qui sotto??

Alcune soluzioni

 
 
1.2 – Stallo alla 10a mossa!

A differenza del quesito precedente, qui non è farina del mio sacco.
Ho dato, a memoria, una soluzione approssimativa; la soluzione esatta è qui, dove è possibile trovare anche uno stallo alla 12a con ancora tutti i pezzi e pedini sulla scacchiera!

 
 
1.3 – Vinciperdi

Due finali di vinciperdi in cui il Bianco muove e vince:

 

P. H. Törngren
Tidskrift för Schack, 1929Il Bianco muove e vince

Soluzione

 

Il Bianco muove e vince

Soluzione

 
 
2. – Braca – Stockfish

La posizione finale di assoluta impotenza in cui è stato ridotto il grande Botwinnik nella partita contro Smyslov mi ha ricordato un’atra partita di ben più infimo livello.
Così, per rovinare la serata, ho proposto un mio finale contro Stockfish (la partita completa è qui).

Il Bianco muove e vince

Soluzione

 
 
3. – Esercizi bizzarri per la prossima settimana:

Se lo stallo comportasse la vittoria per il giocatore che lo provoca, quali finali cambierebbero?

E se fosse possibile “passare” al proprio turno (quindi, niente più zugzwang)?

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − dodici =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>