Uomo contro telefono. Selezione di partite contro Stockfish

matej10Se una zingara, 30 anni fa,  mi avesse detto: “Giocherai a scacchi contro un telefono. E perderai!” avrei pensato tra me e me “toglitele il vino!”.
Piuttosto un viaggio sulla Luna, al limite una macchina del tempo, il teletrasporto, gli alieni, l’immortalità … ma perdere a scacchi contro un telefono era veramente una una fantasia esagerata!

Ed eccomi oggi a commentare alcune sudatissime ed onestissime partite sullo smartphone contri il programma Stockfish.
Onestissime in quanto:

  • io posso ripetere quante mosse volte voglio, lui no;
  • spesso mi butto a fare sacrifici “a naso” (ma forse sarebbe più corretto riferirsi ad altra parte del corpo umano), poi è cura sua demolirli (in tal caso, ovviamente, ritiro la mossa!)
  • posso continuare una partita all’infinito, fino al suo sfinimento!

Ma tutto questo non sarebbe bastato ancora, se non l’avessi buttata sul “filosofico”, evitando accuratamente ogni analisi tattica, come in Manhattan di Woody Allen :

Yale:    “Ma come hai superato i bidelli ?!”
Isaac:   “Che domande! Sul piano culturale”.

 

Incaprettato

(dominazione di Alfiere e due pedoni contro Torre e Cavallo)

Mi piace molto il finale di questa partita. Sembra veramente lo spirito (con un po’ di culo) contro la materia!

 

Cattivo a me?

Secondo una valutazione “meccanicistica”, l’Alfiere camposcuro del Bianco sarebbe cattivo. Sarà …

 

Re nudo!

Sembrava una tranquilla partita di Donna …

 

Mangia, mangia …

 

Che sarà mai una Donna!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>